Scegli la tua Ducati
Ducati Scrambler Urban Motard | New Generation
Ducati Scrambler Urban Motard | New Generation
Ducati Monster 937
Ducati Monster 937
Ducati Multistrada V2 950
Ducati Multistrada V2 950
Ducati Desert X
Ducati Desert X
supplemento per consegna/ritiro domenica € 40
( Giorni)



iva inclusa
shape

Escursione a Sant Elm

Escursione a Sant Elm
Una tappa imperdibile dell'itinerario alla scoperta del sud ovest dell'isola di Mallorca. Un incantevole paese con vista privilegiata all'isola di sa Dragonera. Mare turchese, ristoranti e stradine. Qui il tramonto è da 10.

Il pittoresco paese di Sant Elm si trova all’estremità sud-ovest della Sierra de Tramuntana, non lontano da Andratx da cui si arriva dopo circa 8 km passando per S’Arracó. Originariamente era un villaggio di pescatori e la sua economia era prevalentemente incentrata sulla pesca e sulla lavorazione dei prodotti ittici. Oggi, con i suoi circa 500 residenti, il paese si è convertito in un’accogliente e rinomata località turistica che offre numerosi bar e ristoranti con vista mare e una strada commerciale con piccoli negozi. 
Le belle spiagge "Sa Gran" e "Sa Petita", con sabbia fine, "Cala es Conills" e "Cala en Basset" di ghiaia, fanno di Sant Elm anche una apprezzata località balneare. 
Di fronte alla costa si trova l’isolotto Es Pantaleo dove ebbe inizio la conquista Aragonese di Mallorca da parte Jaume I nel 1229. Al largo, oltre l'isolotto di “Es Pantaleu”, si trova un'isola disabitata molto più grande, Sa Dragonera, un’area naturale protetta. Sull'isola di Dragonera vi sono inoltre le torri di difesa di Cala en Basset e Llebeig erette per proteggersi dagli attacchi dei pirati. L'unico modo per arrivarci è tramite una barca propria (dopo aver acquisito le necessarie autorizzazioni) o con varie compagnie (da marzo a fine ottobre) che coprono la rotta dal porto di Sant Elm o dal Port Andratx.
Sant Elm conta di un interessante patrimonio storico. È possibile apprezzare la torre di Sant Elm che diede nome al paese, costruita su ordine del re Jaume II nell’anno 1279 e destinata a ospedale per accogliere i marinai obbligati alla quarantena. Oltre a questi elementi di interesse, possiamo scorgere anche la riserva naturale “La Trapa” che deve il suo nome ai monaci trappisti che si stabilirono intorno al 1810 e che costruirono un monastero realizzando un sistema di approvvigionamento idrico e terrazzamenti. A “La Trapa” si possono trovare ancora le costruzioni dell’antico monastero e resti di manufatti come ad esempio il mulino. Da lì si può godere di una splendida vista sull’isola della Dragonera con le sue le sembianze di un drago che emerge dal mare. Le spiagge con le acque cristalline, gli itinerari da percorrere a piedi, il patrimonio storico e l’offerta ricettiva e ristorativa, fanno di Sant Elm una tappa imperdibile.
Tip: all'ora del tramonto il cielo si tinge come la tela di un quadro regalando un romantico spettacolo.